giovedì 18 febbraio 2016

Unioni civili, la coerenza del M5S e l'ipocrisia del pd


In questi giorni si (s)parla molto di unioni civili e della discussione che si sta svolgendo in Senato sul 'Ddl Cirinnà'.

Ma per capire veramente quello che sta succedendo, a fronte dei continui scontri politici tra il PD e il MoVimento 5 Stelle e anche a causa della disinformazione generata dai mass-media, è doveroso cercare di far chiarezza.

Innanzitutto vorrei ricordare che al governo c'è Renzi e la sua maggioranza, quindi se si continuano a rinviare le votazioni sul 'Ddl Cirinnà' perchè non si riesce a trovare convergenza di voti, non è certo per colpa del M5S, ma le cause del problema sono dovute al caos all'interno del pd, il suo partito.

In molti invece criticano i parlamentari del M5S, ma il MoVimento di Grillo è sempre stato e continua ad essere favorevole alla legge sulle unioni civili, ma coerentemente, come già successo in altre occasioni, è contrario all'utilizzo di trucchetti assurdi e incostituzionali come il "supercanguro", che di fatto impedisce un sereno dibattito parlamentare.
Il M5S ha chiesto di proseguire la discussione del provvedimento, ma di farlo secondo le regole della democrazia e nel rispetto dei principi costituzionali, votando, se necessario, durante tutta la settimana, così da riuscire ad approvare subito la legge sulle unioni civili.

Ma il pd ha detto no e preferito bloccare tutto; l'unica spiegazione plausibile è che il pd ha paura di se stesso.


A conferma di ciò, è intervenuta anche la stessa Monica Cirinnà, che in un'intervista al Corriere ha dichiarato: "Sto pagando le porcate fatte da certi renziani. Pago le delusioni di chi, e sono tanti, nutriva forti aspettative nell'ultimo rimpasto di governo". 
Un vero e proprio sfogo nei confronti del suo stesso partito.
Parole forti, vere; poi però, guarda caso, smentite dalla stessa Cirinnà.
Come mai? Forse perché sono parole pericolose, che rischiano di disingannare l'opinione pubblica dalla subdola propaganda contro il M5S?

Insomma, siamo di fronte alla solita ipocrisia e inconcludenza renziana, e pazienza se in ballo ci sono i diritti delle persone.


Ritieni questo post interessante? Puoi commentarlo e condividerlo. Grazie

2 commenti:

Anonimo ha detto...

il PD è finito!

Davide Bassan ha detto...

Caro "Anonimo",
sinceramente penso che attualmente il pd (ahinoi!) non sia affatto finito, anzi. Purtroppo grazie ai mass-media compiacenti riesce ancora ad imporre la sua subdola propaganda per stravolgere la realtà ed ingannare l'opinione pubblica. Solo quando la maggior parte dei cittadini saranno correttamente informati e quindi più consapevoli, allora sarà finalmente decretata la fine della "politica renziana".